11 Giugno 2019

statuto associazione immigr@

Statuto

Associazione “Immigr@”

articolo 1 Principi e struttura dell’Associzione

immigr@ è un’associazione non riconosciuta, senza scopo di lucro.

I contenuti e la struttura dell’Associazione sono ispirati a principi di solidarietà, di trasparenza e di democrazia che consentono l’effettiva partecipazione degli associati alla vita dell’Associazione stessa.

articolo 2 Finalità e attività

L’associazione non ha fini di lucro e mira alla condivisione delle conoscenze nel campo dell’immigrazione e degli stranieri.

L’associazione, avvalendosi in modo determinante e prevalente delle prestazioni volontarie, dirette e gratuite dei propri aderenti.

articolo 3 Soci

Possono far parte dell’associazione solo le persone fisiche che diano pieno affidamento per l’attuazione dei programmi statutari e che condividano le finalità che animano l’associazione.

L’adesione all’associazione è volontaria ed avviene con accettazione preventiva delle richieste di adesione : qualità professionali e condotta irreprensibile sono requisiti imprescindibili.

Per l’assunzione della qualifica di socio è necessario presentare apposita domanda scritta anche in via telematica.

La partecipazione alla compagine associativa riguarda :

  • consulenti immigrazione e per stranieri,
  • mediatori culturali,
  • interpreti,
  • traduttori,
  • legali immigrazione,
  • operatori accoglienza migranti,
  • agenzie pratiche per stranieri.

articolo 4 Assemblea dei soci

L’assemblea dei soci è l’organo sovrano dell’associazione.

articolo 5 Norma di rinvio

Per tutto quanto non previsto dal presente statuto valgono le disposizioni di legge in materia, con particolare riferimento al Codice Civile e alle norme sulle associazioni non riconosciute prive di attività lucrative.

Articolo 36 codice civile L’ordinamento interno e l’amministrazione delle associazioni non riconosciute come persone giuridiche sono regolati dagli accordi degli associati. Le dette associazioni possono stare in giudizio nella persona di coloro ai quali, secondo questi accordi, e conferita la presidenza o la direzione